sabato 22 novembre 2014

Susanna Cattaneo

il sabato poesia

Sarò la luce

Sarò la luce che splende su tutte le penombre. 
L’inverno di ogni amante. 
L’erosione del mare che fa lisce le pietre. 
Le tempeste che scalzeranno le radici. 
La notte d’argento su un oceano silenzioso. 
Quella vacanza. 
Quel viaggio. 
Ogni sera vissuta nella pioggia. 
Sarò le orme sulla spiaggia in altri mondi. 
Il sale dell’Oriente. 
Lontananze di porti e leggende. 
La straniera errante. 
Quella che incontri sui tuoi passi. 
Sarò ogni cosa. 
Sarò l’oblio.

(da Lluvia sobre toda soledad, 2003)

mercoledì 19 novembre 2014

Albino Pierro

agenda letteraria
Il 19 novembre del 1916, nasce a Tursi (Matera) Albino Pierro

Se le campane di Pasqua
sono parole di Cristo
che ha fatto chiudere la morte,
ora questa parlata fresca di paese
getta il bando e dice:
"Venite qui,
vi ho aperte le porte."

(La terra del ricordo)

martedì 18 novembre 2014

Mark Twain


Non potete fare affidamento ai vostri occhi se la vostra immaginazione è fuori fuoco.

lunedì 17 novembre 2014

Mario Soldati

agenda letteraria
Il 17 novembre del 1906, nasce a Torino Mario Soldati

Sempre così, il nostro meraviglioso paese. Ha qualche cosa
di infantile, e sembra che faccia i dispetti. Siamo incapaci
di impedire le speculazioni edilizie, le costruzioni abusive,
l'inquinamento delle spiagge e dei fiumi, la rovina dei paesaggi
più splendidi. Tutto cede alla civiltà del consumo e del cemento.

(Lo specchio inclinato, Premio Bagutta 1976)

sabato 15 novembre 2014

Henrik Nordbrandt

il sabato poesia

Dovunque andiamo

Dovunque andiamo, arriviamo sempre troppo tardi 
a ciò che un tempo siamo partiti per trovare. 
E in qualsiasi città ci fermiamo sono le case 
cui è troppo tardi per tornare i giardini 
in cui è troppo tardi per trascorrere una notte 
di luna e le donne che è troppo tardi per amare 
a tormentarci con la loro impalpabile presenza.

E qualsiasi strada ci sembri di conoscere 
ci porta lontano dai giardini fioriti 
che cerchiamo e che diffondono 
il loro pesante odore nel quartiere. 
E a qualsiasi casa torniamo 
arriviamo a notte troppo tarda 
per essere riconosciuti. 
E in qualsiasi fiume ci specchiamo 
vediamo noi stessi solo dopo 
aver voltato le spalle.

(da Poesia del Novecento in Italia e in Europa, Feltrinelli, 2000 – Traduzione di Bruno Berni)

venerdì 14 novembre 2014

Carlo Emilio Gadda

agenda letteraria
Il 14 novembre del 1893, nasce a Milano Carlo Emilio Gadda

Sentii subito, come caduta orrenda nel vuoto, l'inanità morale
della prigionia: dai regni fulgidi, dopo i fulgidi atti del cosciente volere,
ero stato travolto verso la riva dell'inutilità. Prigioniero, mi vidi finalmente
quell'essere nullo, perfettamente superfluo, quella foglia morta che
il vento della miserabilità può sbatacchiare dentro l'inverno, verso
la gioia di tutti gli pseudo-Dostoiewski della madre terra e per la mia
infinita e cruciale mortificazione. Poi la fame finì di abbruttirmi.

(Il castello di Udine, Premio Bagutta 1934)

martedì 11 novembre 2014

Nadar (Gaspard Félix Tournachon)


Non esiste la fotografia artistica. Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, delle persone che sanno vedere e altre che non sanno nemmeno guardare.

domenica 9 novembre 2014

Cecilia Meireles

agenda letteraria
Il 9 novembre del 1964, muore a Rio de Janeiro la poetessa brasiliana Cecilia Meireles

Io non avevo questo viso
così calmo, così triste, così magro,
né questi occhi così vuoti,
né il labbro amaro. [...]
io non m'accorsi di cambiare:
fu semplice, sicuro, facile.
In che specchio è rimasto
il mio perduto viso?

(Ritratto)