sabato 29 novembre 2014

Raúl Gómez Jattin

il sabato poesia

I poeti, amore mio

I poeti, amore mio,
sono degli uomini orribili,
dei mostri di solitudine,
evitali sempre,
a cominciare da me.
I poeti, amore mio,
sono da leggere.
Ma non fare caso
a quel che fanno nelle loro vite.

martedì 25 novembre 2014

Susan Sontag


Fotografare significa appropriarsi della cosa che si fotografa. Significa stabilire con il mondo una relazione particolare che dà una sensazione di conoscenza, e quindi di potere.

sabato 22 novembre 2014

Susanna Cattaneo

il sabato poesia

Sarò la luce

Sarò la luce che splende su tutte le penombre. 
L’inverno di ogni amante. 
L’erosione del mare che fa lisce le pietre. 
Le tempeste che scalzeranno le radici. 
La notte d’argento su un oceano silenzioso. 
Quella vacanza. 
Quel viaggio. 
Ogni sera vissuta nella pioggia. 
Sarò le orme sulla spiaggia in altri mondi. 
Il sale dell’Oriente. 
Lontananze di porti e leggende. 
La straniera errante. 
Quella che incontri sui tuoi passi. 
Sarò ogni cosa. 
Sarò l’oblio.

(da Lluvia sobre toda soledad, 2003)

martedì 18 novembre 2014

Mark Twain


Non potete fare affidamento ai vostri occhi se la vostra immaginazione è fuori fuoco.

sabato 15 novembre 2014

Henrik Nordbrandt

il sabato poesia

Dovunque andiamo

Dovunque andiamo, arriviamo sempre troppo tardi 
a ciò che un tempo siamo partiti per trovare. 
E in qualsiasi città ci fermiamo sono le case 
cui è troppo tardi per tornare i giardini 
in cui è troppo tardi per trascorrere una notte 
di luna e le donne che è troppo tardi per amare 
a tormentarci con la loro impalpabile presenza.

E qualsiasi strada ci sembri di conoscere 
ci porta lontano dai giardini fioriti 
che cerchiamo e che diffondono 
il loro pesante odore nel quartiere. 
E a qualsiasi casa torniamo 
arriviamo a notte troppo tarda 
per essere riconosciuti. 
E in qualsiasi fiume ci specchiamo 
vediamo noi stessi solo dopo 
aver voltato le spalle.

(da Poesia del Novecento in Italia e in Europa, Feltrinelli, 2000 – Traduzione di Bruno Berni)

martedì 11 novembre 2014

Nadar (Gaspard Félix Tournachon)


Non esiste la fotografia artistica. Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, delle persone che sanno vedere e altre che non sanno nemmeno guardare.

sabato 8 novembre 2014

Erich Fried

il sabato poesia

Soltanto non...

La vita sarebbe forse più semplice 
se io non ti avessi mai incontrata.
Meno sconforto ogni volta che dobbiamo separarci 
meno paura della prossima separazione 
e di quella che ancora verrà.
E anche meno di quella nostalgia impotente 
che quando non ci sei pretende l'impossibile 
e subito fra un istante e che poi giacché 
non è possibile si sgomenta e respira a fatica.
La vita sarebbe forse più semplice 
se io non ti avessi incontrata.
Soltanto non sarebbe la mia vita.

(da È quel che è, Einaudi, 1988 – Traduzione di Andrea Casalegno)

martedì 4 novembre 2014

Mario Giacomelli


Sembra che le foto possano essere indifferentemente buone o cattive e che tutto sia un po’ affidato al caso, invece non è così. A volte nascono dal niente o dal tutto che è la stessa cosa. Io cerco di fotografare i pensieri. L’oggetto mi è utile per trasmettere quello che vuole dire. Niente viene a caso, il bianco, il nero. Come nella famosa foto di Scanno: la figura nera aspetta il bianco. (…)

sabato 1 novembre 2014

Franco Fortini

il sabato poesia

Come una dopo l'altra

Come una dopo l'altra una dall'altra una
e un'altra ininterrottamente come lente e veloci
o come stagioni o come le ore o le api o le voci
o il pianto degli innocenti o lo strido delle foglie
o il vocío delle onde delle gocce delle scaglie
di pigna o l'ondulío della ragione nella sua cuna
o della dolorosa fortuna il lamento

ma sopra come la dominante ostinata ragiona
e dice e ridice una la verità.

1955

(da 'Questo muro', Mondadori, 1973)