sabato 26 aprile 2014

Rafael Alberti

il sabato poesia

Coprimi, amore, il cielo della bocca


Coprimi, amore, il cielo della bocca
con codesta rapita spuma estrema,
che è gelsomino sapido ed ardente,
germogliato in corallo della roccia.

Amore rendi folle il suo sapore,
il lancinante tuo supremo fiore,
in diadema piegando il suo furore
slabbrato dal garofano mordente.

Oh misurato fluire, amore, oh bel
gorgogliar temperato della neve
in tanto angusta grotta in carne viva,

per rimirar come il tuo fine collo
fa scivolare, amore, grande pioggia
di gelsomini e stelle di saliva!


lunedì 21 aprile 2014

Ippolito Pizzetti

La maggioranza dei nostri connazionali riesce in modo
meraviglioso (direi meglio! quasi mostruoso) a adattarsi al Fastidio
e vivere nel fastidio e col fastidio addosso, senza mai elaborarlo,
a scanso di fatica, in qualcosa di più concreto; detto in parole più
semplici: in una Coscienza, e con Coscienza intendo l'intelligenza
politica, la capacità di reagire.


Ippolito Pizzetti, paesaggista, 2004

sabato 19 aprile 2014

Jaime Labastida

il sabato poesia

La realtà e il sogno

Un forte turbamento domina le mie parole.
Per me, tu sei sempre una ragazza.
Dentro me, ospito un nido di fantasmi,
un letto di cicale, quasi un cielo infantile.

Toccandoti i seni, giocavamo a essere bambini.
Ridi. Sfioro appena le tue palpebre.
Mi guardi innocente.

Ti bacio la bocca e il tuo mistero si spalanca,
avido di abbracci.
Il mio corpo si apre a croce.
Le nostre mani si stringono.
Il tuo cuore palpitante sfoglia i miei battiti.
Dicono sia questo la felicità.

Io ti stringo,
ti stringo.
Siamo due animali confusi,
crocifissi l’uno nelle braccia dell’altra.

L’antico sogno azzurro si infrange.
C’è qui la vita, bella e difficile.


Jaime Labastida (da El descenso, 1960)

giovedì 17 aprile 2014

Raghu Rai, la magia del fotografare l'India

Si racconta.
Le fotografie che ho scattato in tutti questi anni sono una sorta di risposta istintiva agli stimoli che ricevo dalla mia terra. Questa è la magia del fotografare l'India, una società complessa, multiculturale e multistratificata e questo è ciò di cui parla il mio lavoro. Sono ancora un fotografo part-time: sto ancora imparando e cercando di esplorare con la macchina fotografica l'India e la sua maestosa bellezza, la sua forza millenaria, i suoi tanti aspetti culturali e sociali. La ricerca non è cambiata da quando ho cominciato questo lavoro, quarant'anni fa.

Io non potrei fotografare fuori dall'India, fuori da un mondo che conosco. A differenza di Salgado per esempio. Una volta gli ho chiesto 'ma come fai a viaggiare tanto?', e lui mi ha risposto: 'dovunque vada, porto la mia casa dentro di me'. Io non posso; devo sentirmi dentro un luogo, appartenere a quel mondo, per poter provare a catturare qualche verità, qualche emozione umana, e questo mondo è l'India.
Per i 50 anni di indipendenza del mio paese, il Philadelphia Museum of Art organizzò una mostra con foto di Cartier-Bresson, Salgado e mie, tra gli altri; e sempre Salgado mi disse in quell'occasione: 'io ho scattato molto in India, e amo quello che ha fatto Cartier-Bresson, ma il tuo lavoro sull'India mi sembra che esprima un'altra profondità, un'esperienza dall'interno'. Sono cose di questo genere che fanno la differenza.

Con la maturità si acquisisce una propria visione, un'intensità e una disciplina. Come fotografo, bisogna sviluppare una visione che catturi l'essenza di quel che si sta scattando e questo avviene con gli anni e l'esperienza passando da fotografie 'ordinarie' fino a comporre qualcosa di diverso, in grado di far comprendere il 'tutto'.
Si dice che una buona foto valga mille parole. Io sono giunto a pensare che mille parole possono creare una grande confusione.
Perchè non pensare al silenzio - un momento nello spazio che non sia negoziabile e che possa restituire pace e silenzio.

Sono un pellegrino. Viaggio per tutto il Paese con una fede completa. L'India, per me, è il mondo intero. Avrei bisogno di dieci vite per poter completare qualcosa sul mio Paese ma purtroppo non ne ho che una. Una cosa è certa, sto arrivando sempre più al cuore delle cose, adesso.

Link:   Magnum Photos   -   Flickr   -   Google Immagini

sabato 12 aprile 2014

Raffaele Carrieri

il sabato poesia

Io che sono cicala


Io che sono cicala
per te canto.
Per te canto
che stai zitta,
sola in ombra
nella casa grande.
Si addice al mio verso

Si addice al mio verso
l'andamento leggiero
e l'odore bruciato
del fuggiasco.

Si addice il vento caldo
che fa spuntare
astri all'aglio
nella fornace di sabbia.

Nasce per la rabbia
lo spinoso cardo
e la capra consola
col suo fiore.

Vicente Huidobro

il sabato poesia

Io sono assente ma in fondo a questa assenza
C’è l’attesa di me stesso
E quest’attesa è un’altra forma di presenza
L’attesa del mio ritorno
Io vivo in altri oggetti
Viaggio dando un po’ della mia vita
A certi alberi e a certe pietre
Che mi hanno aspettato molti anni
Si sono stancati di aspettare e si sono seduti
Io non sono e sono
Sono assente e sono presente in stato d’attesa
Essi volevano il mio linguaggio per esprimersi
E io volevo il loro per esprimerli
Ecco qui l’equivoco l’atroce equivoco.
Angoscioso penoso
Mi addentro in queste piante
Lasciando i miei abiti
Mi stanno per cadere le carni
E il mio scheletro si riveste di cortecce
Sto diventando albero
Quante cose mi sono convertito in altre cose…
E’ doloroso e pieno di tenerezza
Potrei gridare ma si spaventerebbe la transustanziazione
Bisogna restare in silenzio 
Aspettare in silenzio


martedì 8 aprile 2014

Leo Hickman

Nel Ventunesimo secolo, invece di vantarci del molto che abbiamo,
cominceremo a vantarci del poco che consumiamo.

Leo Hickman, editorialista di "The Guardian", 2011

sabato 5 aprile 2014

Donald Justice

il sabato poesia

La sera della mente


Ora viene la sera della mente.
È qui che la lucciola si contrae nel sangue,
Qui che l’ombra scivola lunga la pagina
Mentre leggi seduto accanto al muro del giardino.
Ora i peschi nani, inchiodati ai loro tralicci,
Rabbrividiscono e si piegano. Riconosci le loro voci ormai,
Le pesche sacrificali che chiamano
Debolmente il tuo nome, quel nome
Che nessuno conosce, tranne te.
È l’aura e l’avvenire.
È quella cosa che scende, che ti vola attorno, proprio qui;
E che ora ti porge un artiglio e tu lo prendi;
Con riconoscenza, te lo porti in grembo, così.
Dicevi che non te ne saresti andata di nuovo,
Che non volevi andartene, ma poi –
È come se tu fossi ancora lí, al porto,
A guardare una barchetta che se ne va
Oltre le secche, i falaschi e i pesci morti…
Ed eri già a bordo, solcando le onde e i soliti intralci,
E più oltre, sotto un cielo sfacciato,
Sospeso come un gong prima del colpo —
Ma in che senso, sospeso? – e adesso lo colpiscono, adesso,
Il sogno etereo di una fanciullezza si ripete, si ripete
E tu devi alzarti ancora per quello stesso sangue,
E per i vuoti in gola.