martedì 28 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian​ #26

Namibia


Per fare un safari il Guardian consiglia la Namibia, un paese dell'Africa meridionale che confina con Angola, Zambia, Botswana e Sudafrica. Recentemente i suoi paesaggi hanno fatto da set al reboot di La mummia con Tom Cruise, che uscirà nei cinema l'8 giugno.
Nella fotografia dune di sabbia nel parco nazionale di Dorob, nel deserto della Namibia, il 17 febbraio 2016.
(GIANLUIGI GUERCIA/AFP/Getty Images)

Mark Rothko


Mark Rothko, Untitled, 1947

venerdì 24 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian​ #22

Isole Lofoten, Norvegia


I paesaggi delle isole Lofoten, in Norvegia, hanno ispirato i creatori del film animato Frozen e per questo le visite all'arcipelago sono molto aumentate dal 2013. Sulle isole è anche stata girata parte della nuova commedia fantascientifica Downsizing, con Matt Damon, che arriverà nei cinema l'anno prossimo.
Le isole sono particolarmente apprezzate dagli appassionati di surf in condizioni estreme e da chi vuole vedere l'aurora boreale. Nella fotografia sia vede un'aurora boreale nel cielo di Flakstad, sulle isole Lofoten, il 14 marzo 2016.
(OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

Le strade più belle del mondo su cui viaggiare #13/25

Passo dello Stelvio, Italia


giovedì 23 febbraio 2017

I 20 siti Unesco più spettacolari d’Italia #15

Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato

Un vivace gioco di profili, un susseguirsi di dolci pendii i cui vitigni disegnano splendide geometrie: questi gli scenari tipici delle Langhe, del Roero e del Monferrato, che vi conquisteranno in qualsiasi stagione dell’anno. Rientrano nell' Unesco World Heritage List poiché rappresentano un paesaggio che, pur essendo stato modellato dall'azione dell'uomo, ha mantenuto un ambiente naturale equilibrato, riuscendo per di più ad esaltare la sua profonda cultura del vino. Gustatevi un rosso o un bianco di indiscussa qualità e una vista panoramica sulle colline che si estendono a perdita d'occhio, impreziosite da antichi borghi e bellissimi castelli arroccati: brindate alla vostra!


martedì 21 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #19

Indonesia


La maggior parte delle persone che visitano l'Indonesia come turisti vanno solo in una delle sue 17.508 isole: Bali. Per fare aumentare il turismo anche in altre isole il governo ha deciso di promuovere dieci altre località come "nuove Bali": sono Borobudur nel centro di Giava, Mandalika su Lombok, Labuan Bajo su Flores (da cui si può arivare all'isola di Comodo, quella dei draghi di Comodo), Bromo-Tengger-Semeru nell'est di Giava, Pulau Seribu a nord di Giacarta, il lago Toba nel nord di Sumatra, Wakatobi nel sud-est di Sulawesi, Tanjung Lesung a Banten, Morotai ad Halmahera, nelle Molucche, e Tanjung Kelayang a Belitung.
Nella fotografia, scattata il 4 novembre 2013, il mare vicino a una spiaggia di Labuan Bajo, da non confondere con la Labuan malesiana, quella dei romanzi di Emilio Salgari.
(Flickr/Jorge Láscar)

World Press Photo 2017



Secondo premio categoria Persone - Storie
Antonio Gibotta

Una documentazione potente e dinamica della Battaglia degli infarinati di Ibi, in Spagna, è valso ad Antonio Gibotta un secondo premio nella categoria reportage di persone.

domenica 19 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #17

India


Il 2017 è anche l'anno del 70esimo anniversario dell'indipendenza indiana. Anche il New York Times suggerisce di visitarla, in particolare la città di Agra, dove si trova il famoso mausoleo Taj Mahal.
Nella fotografia donne induiste nel fiume Gange vicino all'isola di Sagar, circa 150 chilometri a sud di Calcutta, il 13 gennaio 2017.
(DIBYANGSHU SARKAR/AFP/Getty Images)

Henri Cartier-Bresson


Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un fatto e l’organizzazione rigorosa delle forme percepite visualmente che esprimono e significano quel fatto. È mettere sulla stessa linea di mira la testa, l’occhio e il cuore. È un modo di vivere.

venerdì 17 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #15

Finlandia


La Finlandia compie cento anni nel 2017: ottenne l'indipendenza dalla Russia dopo la Rivoluzione d'Ottobre. Per celebrare l'anniversario ci saranno molti eventi, tra cui una grande mostra sul modernismo finlandese al Museo d'Arte di Helsinki dal 3 marzo al 30 luglio e i campionati mondiali di pattinaggio artistico dal 29 marzo al 2 aprile. Ci saranno anche dei festival culinari, i Let’s Eat Together, in giro per tutto il paese.
La cosa migliore da fare in Finlandia però resta scoprirne i paesaggi naturali: il paese ha grandissime foreste, 188mila laghi e 179mila isole. Da quest'anno avrà anche un nuovo parco naturale, il quarantesimo; si trova vicino al confine con la Russia, in una regione che si chiama Hossa. Inoltre si potrà visitare un'isola, Vallisaari, che fino a qualche mese fa era riservata al personale militare. Poi ovviamente ci sono le aurore boreali.

Nella fotografia una renna in un campo innevato vicino a Torvinen, in Lapponia, il 17 novembre 2008.

(OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

giovedì 16 febbraio 2017

mercoledì 15 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #13

Colombia



Con la fine della guerra civile con le Farc, la Colombia potrebbe diventare una apprezzata meta turistica per il Guardian, che consiglia soprattutto le spiagge di Capurgana e Sapzurro, nel Golfo di Uraba, dove la sabbia è bianca e l'acqua cristallina. Un'altra meta popolare è il parco nazionale di Tayrona, sovrastato dalla catena montuosa della Sierra Nevada de Santa Marta, mentre meno conosciuta è la cittadina di Palomino, a 70 chilometri da Santa Marta, dove è facile trovare alloggi economici senza troppa ressa.
Un'altra località segnalata dal Guardian è Punta Gallinas, nella provincia di La Guajira, dove dune di sabbia lunghe 60 metri arrivano al mare e «l'unica compagnia sono i contrabbandieri di petrolio venezuelani e l'unico piatto sul menu sono le aragoste grigliate». Nell'interno si trova la cittadina montana di Salento, al margine della regione in cui si coltiva il caffè: nei suoi bar si possono incontrare i cowboy colombiani che solitamente indossano poncho. 

Nella fotografia la spiaggia dell'isola di San Andres, in Colombia, il 30 novembre 2012.
(EITAN ABRAMOVICH/AFP/Getty Images)

martedì 14 febbraio 2017

Le foto vincitrici del concorso Traveler del National Geographic #5/12

Natura, Secondo posto - Doppia trappola - di Massimiliano Bencivenni

«Mi trovavo nel Pantanal brasiliano – un’immensa pianura alluvionale – lungo il rio Negro. Mi resi conto che in alcuni punti delle sue anse era pieno di caimani jacarè. Ne vidi uno che si immerse improvvisamente nell’acqua e mi piazzai nel posto migliore per fotografarlo quando sarebbe rispuntato. L’intera scena durò la frazione di un secondo».


lunedì 13 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #11

Cina


Il 23 febbraio uscirà nei cinema The Great Wall, un film d'avventura sulla costruzione della Grande Muraglia cinese diretto da Zhang Yimou e interpretato da Matt Damon: è il film con il più alto budget che sia mai stato girato interamente in Cina. Il Guardian consiglia, per chi volesse vivere una propria avventura lungo il più famoso monumento cinese, di partecipare a un viaggio organizzato di nove giorni chiamato "Intrepid’s Great Wall Marathon" che prevede anche la possibilità di correre una maratona lungo la muraglia,
Tra le novità, per le persone che visiteranno la Cina quest'anno, c'è la possibilità di fare un viaggio lungo le nuove linee ferroviarie ad alta velocità, che ad esempio collegano Guiyang e Guilin a Kunming: ora il viaggio tra Kunming e Guilin dura solo cinque ore e non più venti.
Nella fotografia una parte della Grande Muraglia cinese fotografata il 24 maggio 2016.
(Lintao Zhang/Getty Images)




domenica 12 febbraio 2017

Le 25 foto più rare della storia #11

11. Un giovane soldato tedesco mostra i pantaloni di Adolf Hitler dopo il mancato attentato alla “Tana del lupo”, nel 1944.




sabato 11 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #9

Canada


Quest'anno il Canada festeggia i 150 anni dalla nascita della Confederazione canadese. Ci saranno molti eventi a Ottawa, la capitale, e a Charlottetown, dove fu fondata la Confederazione. I parchi nazionali del paese (che sono 47) e 168 diversi monumenti potranno essere visitati gratuitamente per tutto l'anno. A Vancouver sarà organizzato un festival di danza dei nativi canadesi dal 28 febbraio al 5 marzo.
Il Guardian suggerisce anche di camminare lungo parte del Trans Canada Trail, la più lunga rete di sentieri da percorrere a piedi o in bici del mondo: va dall'oceano Atlantico al Pacifico e tocca anche l'oceano Artico. La sua costruzione è iniziata nel 1992, per i 125 anni dalla nascita della Confederazione, e sarà ultimata quest'anno.
Nella fotografia il fiume Bow parzialmente congelato nel parco nazionale di Banff, in Alberta, il 28 novembre 2013.
(JOE KLAMAR/AFP/Getty Images)

La mia foto: il meglio di gennaio

Una selezione delle migliori immagini inviate dai lettori nel corso dell'ultimo mese a National Geographic.


Lofoten - fotografia di Andreas Benedettini

Le Lofoten sono un arcipelago montuoso sopra il Circolo Polare Artico, in Norvegia. Formato da rocce tra le più antiche del pianeta, si trova all'incrocio di varie correnti marine, tra cui quella del Golfo, situazione che le rende tra le isole più pescose del mondo; il pesce più famoso è il merluzzo, trasformato in stoccafisso.

Le ottime 20 fotografie selezionate

venerdì 10 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #8

Brecon Beacons, Regno Unito


Tra i luoghi britannici consigliati dal Guardian c'è il parco naturale di Brecon Beacons, in Galles, perché quest'anno ci saranno eventi speciali per celebrare i 60 anni dall'apertura del parco, in cui si trovano brughiere, canali e il più grande lago gallese, il Llangors. La parte occidentale di Brecon Beacons, nota come Fforest Fawr, è uno dei geoparchi globali dell'Unesco ed è anche una delle zone in cui è proibito produrre inquinamento luminoso, per cui è ottima per guardare le stelle.
Nella fotografia si vede un panorama del parco di Brecon Beacons, fotografato il 6 febbraio 2010.
(Oli Scarff/Getty Images)

giovedì 9 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #7

Sabah, Malesia


Le bellezze naturali del bacino del fiume Maliau, nello stato malesiano di Sabah, nella regione del Borneo, è una delle zone della Terra meno frequentate dagli esseri umani: è stato scoperto dagli occidentali solo nel 1947, quando un pilota rischiò di precipitarvi con il suo aereo, e solo negli anni Ottanta delle persone lo esplorarono. Infatti il bacino è costituito da una grande conca, una specie di anfiteatro naturale con pareti alte 1.600 metri, scavato in un altopiano. All'interno del bacino si trova una foresta tropicale che è uno dei luoghi con la più ricca biodiversità del mondo: ci vivono mammiferi rari come il rinoceronte di Sumatra, l'elefante pigmeo, il leopardo nebuloso, l'orso del sole e la scimmia nasica. La maggior parte dei visitatori sono scienziati e ricercatori, ma i turisti possono partecipare a tour organizzati e, da poco tempo, fare delle escursioni da soli, anche se il numero massimo di persone che possono entrare nella zona contemporaneamente. Per fare trekking nel bacino bisogna essere campeggiatori esperti.
Per arrivare al bacino, famoso anche per le sue numerose cascate, si impiegano quattro ore di automobile da Kota Kinabalu e due e mezza da Tawau.
Nella fotografia, scattata il 6 febbraio 2013, un orango che gioca su una corda nella riserva di Sandakan, nello stato di Sabah.
(MOHD RASFAN/AFP/Getty Images)

Paul Klee


Lanbscape with yellow birds 1923

mercoledì 8 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #6

Bolivia


A ottobre in Bolivia si celebreranno i 50 anni dalla morte di Ernesto "Che" Guevara: per l'occasione si potrà percorrere la Ruta del Che, un percorso lungo gli ultimi luoghi da cui passò il guerrigliero, tra cui La Higuera, dove fu catturato e ucciso. Il festival annuale di Vallegrande, dedicato a Che Guevara, sarà particolarmente vivo quest'anno; sarà il 9 ottobre.
Il Guardian consiglia l'Hotel Atix di La Paz sul cui tetto c'è una infinity pool che permette di guardare un panorama delle Ande.
Nella fotografia si vedono dei lama e degli alpaca in un pascolo sotto il Payachata, nel parco nazionale di Sajama, circa 300 chilometri a sud-ovest di La Paz. La foto è del 5 agosto 2009.
(AIZAR RALDES/AFP/Getty Images)

Le strade più belle del mondo su cui viaggiare #12/25

Passo della Furka & Grimsel, Svizzera


martedì 7 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #5

Birmania


In Birmania il numero di turisti annuali è cresciuto da circa 800mila a 3 milioni da quando il partito di Aung San Suu Kyi ha incoraggiato gli stranieri a visitare il paese. Ora che il paese ha un governo democraticamente eletto il numero di visitatori dovrebbe ancora aumentare. Le località più popolari sono Yangon, Bagan e Inle Lake, ma ci sono sempre più agenzie che propongono nuovi itinerari. Secondo il Guardian la zona da visitare è lo stato di Kayah, al confine con la Thailandia: fino a poco tempo fa era difficile da raggiungere, ma ora ci sono quattro voli a settimana della Myanmar Airways da Yangon a Loikaw, la capitale dello stato. Il Kayah è il più piccolo degli stati della Birmania, ma ci vivono dieci diversi gruppi etnici, tra cui i Karen, noti per le collane metalliche usate per allungare i colli.
Nella fotografia, scattata il 1 dicembre 2016, il tempio di Khaymingha a Bagan, nella Birmania centrale, dove si trovano più di duemila monumenyi buddisti.
(DALE DE LA REY/AFP/Getty Images)

I 20 siti Unesco più spettacolari d’Italia #14

Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

I resti delle antiche città romane Pompei ed Ercolano, insieme all’area di Torre Annunziata, offrono un quadro sbalorditivo della società nell'antica Roma, uno spaccato straordinario della vita quotidiana di quel periodo splendente. Il tempo qui si è fermato, e non per modo di dire: essendo state letteralmente sepolte dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.C., in queste città è possibile ammirare sculture, mosaici e pitture murali risalenti a più di duemila anni fa e passeggiare tra le case, i templi, i teatri e le terme. Da tutto il mondo ogni anno arrivano moltissimi turisti per visitare questo posto: se non ci siete ancora stati è giunto il momento di rimediare.


lunedì 6 febbraio 2017

40 posti da vedere nel 2017, scelti dal Guardian #4

Belize


Lo scorso agosto a Xunantunich, in Belize, gli archeologi hanno scoperto una nuova e grande tomba maya: la camera mortuaria è stata trovata cinque metri sotto terra e misura 4,5x2,4 metri e nella tomba c'è un pannello che parla di una "dinastia del serpente" che 1300 anni fa conquistò la maggior parte delle popolazioni vicine.
Nella fotografia parte del complesso di rovine maya di Xunantunich, a Benque Viejo del Carmen, in Belize, il 3 marzo 2012.
(Mark Large - WPA Pool /Getty Images)

L' hotel senza pareti dove puoi dormire sotto le stelle

Situato nel cuore delle alpi svizzere, questo hotel è chiamato così—la traduzione letterale in italiano è “nessuna stella”—perché non possiede stelle di categoria come gli altri alberghi: è infatti costruito completamente senza muri, ci sono solo un letto, delle lenzuola e un paio di comodini piazzati su una piattaforma. Nessun tipo di comfort particolare da hotel extralusso, solo la bellezza naturale delle stelle sotto cui dormire.

Ovviamente l’esperienza non è per tutti: dormire senza alcun tipo di riparo, immersi nella natura, può non essere esattamente piacevole per alcune persone. Ma per altri rappresenta un’esperienza difficilmente reperibile altrove.

Il costo è adeguato alla bellezza in cui è immerso il posto: una notte di pernottamento viene a costare 230 euro. Ma all’interno del prezzo è compresa la presenza di un maggiordomo che per l’intera permanenza si occupa dei bisogni dei clienti. Risiede in uno chalet poco distante, dove cucina i pasti da servire in camera agli ospiti, e fra le sua mansioni c’è anche quella di tenere lontani gli animali che tentano di avvicinarsi alla camera.

Il Null Stern è stato ufficialmente aperto lo scorso luglio, e in poche settimane le prenotazioni hanno completamente coperto la durata dell’intero 2017. E questo è dovuto al fatto che l’albergo, purtroppo, possiede una sola stanza.
La rapidità del successo, però, ha convinto i proprietari dell’albergo a mettere in cantiere la costruzione di altre stanze simili.

Link alternativo per l'esclusione del video

venerdì 3 febbraio 2017

Robert Capa


L’unica cosa a cui sono legato è la mia macchina fotografica, poca cosa, ma mi basta per non essere completamente infelice…

mercoledì 1 febbraio 2017

La pista ciclabile da record è in Canada: 24mila chilometri

La pista ciclabile da record è in Canada: 24mila chilometri

In occasione dei 150 anni di indipendenza, il Canada inaugurerà un percorso così lungo da toccare 15mila diverse località


In occasione dei 150 anni della sua indipendenza, nel 2017, il Canada inaugurerà la pista ciclabile più lunga del mondo: 24mila chilometri, per un percorso che toccherà ben 15mila località diverse. In realtà, The Great Trail connette già l’87% del Paese, ma sarà completato solo nei primi mesi del prossimo anno.

Il Canada è il secondo paese più vasto al mondo, dopo la Russia. Su una superficie che è circa 33 volte quella italiana e ospita 35 milioni di abitanti, si snoderà un percorso che permetterà non solo di andare in bicicletta, ma anche di camminare e praticare sci di fondo.

l percorso si snoda da Vancouver a Montreal, toccando alcune delle zone più remote del Paese, come i territori del Nordovest o Newfoundland e Labrador nel Nordest dello stato. L’idea del Great Trail nasce circa 25 anni fa dalla voglia di creare un sentiero che permettesse di connettere tutto il Paese in maniera sostenibile. Grazie alla spinta delle dei governi provinciali — che volevano dotarsi di un percorso adatto allo sport e a impatto zero — il progetto si è finalmente concretizzato.

Visitando il sito potrete scoprire quali tratti sono già agibili, scaricare consigli di viaggio, mappe e foto. Per alcuni tratti sono già disponibili anche i dati gps da scaricare su smartphone e navigatori.