sabato 31 ottobre 2015

Amalia Bautista

il sabato poesia

Un'altra porta girevole

Si scopre che la vita non è solo spingere,
né un gioco di fallaci illusioni.
Non bisogna perdersi entrando
in una porta girevole,
ma diffidare di tutti i riflessi,
e non credere a qualcosa solo perché
l’immagine sembra vera.
Occorre trovare il punto preciso
dove caso e destino sono la stessa cosa,
il momento esatto in cui la porta
girevole ti offre l’uscita.

venerdì 30 ottobre 2015

La storia nelle foto di Reuters #12


Alcuni uomini palestinesi tentano di scappare da alcuni soldati israeliani che stanno lanciando del gas lacrimogeno in un quartiere della città di Khan Younis, nella Striscia di Gaza, il 20 ottobre 2000 (REUTERS/Reinhard Krause/File)

giovedì 29 ottobre 2015

sabato 24 ottobre 2015

Ivan Malinowski

il sabato poesia

Adesso

Adesso è il momento di fare ciò che ti piace.
Non aspettare lunedì, non aspettare domani.
Non fare allungare davanti a te la carovana
di sogni calpestati. Non aspettare.

Non frenarti per paura o viltà.
Non posporre la vita con altra morte,
e non aspettare niente dalla sorte
che non sia più della tua tenacia e della tua energia.

Se il tuo sogno è bello, dagli forma
come il torrente scava le sponde;
come il vento che vive e si trasforma.

E perché tutto risulti come tu vuoi,
detta tu stesso le tue regole
e converti il tuo autunno in primavera.

venerdì 23 ottobre 2015

Il ventunesimo secolo raccontato in 75 immagini #35

2009. Il volo US 1548 galleggia sul fiume Hudson dopo un incidente in fase di atterraggio, miracolosamente tutti i passeggeri e l’equipaggio sono sopravvissuti


giovedì 22 ottobre 2015

La storia nelle foto di Reuters #11


Le fiamme attorno all'aereo Concorde di Air France poco prima dello schianto a Gonesse, vicino a Parigi, il 25 luglio 2000. Tutti e cento i passeggeri e i nove membri dell'equipaggio morirono nell'incidente: altre quattro persone morirono poiché si erano trovate sul luogo dello schianto. L’incidente, l’unico nella storia dell’aereo supersonico, fece molto scalpore e sancì il primo passo verso l’abbandono dei voli supersonici per l’aviazione civile. Dieci anni dopo l'incidente, il tribunale di Pontoise, un comune poco oltre la periferia di Parigi, ha stabilito che a causarlo fu un detrito lasciato sulla pista dell’aeroporto da un aereo della compagnia statunitense Continental Airlines. (REUTERS/Andras Kisgergely/Files)

mercoledì 21 ottobre 2015

Andreas Feininger


Alla fin fine una fotocamera non ha certo capacità più creative di un pugno di argilla, che tuttavia nelle mani di un artista, può senz’altro divenire simbolo di vera espressione creativa.

sabato 17 ottobre 2015

Vicente Gaos

il sabato poesia

Alla tristezza

Se non fosse per te…
se non fosse per te, che ogni sera
mi fai tuo quando il sole declina,
quando ogni cosa è così bella perché è triste,
e affondi ancor più le mie radici
di uomo nella terra… di uomo immensamente
solo di fronte al ponente nel quale Dio fugge.
Che sarebbe di tutto? Che sarebbe
di noi? Mai,
mai avremmo visto
il segreto mistero delle cose.

Oh, tu, tristezza, madre
di tutta la bellezza che ha creato
l’uomo nel dolore che dà la tua mano
con il suo dolce castigo…
Non ti allontanare da me, vieni ogni giorno
a farmi triste, a farmi uomo, figlio tuo…
Fammi visita.

giovedì 15 ottobre 2015

Il ventunesimo secolo raccontato in 75 immagini #34

2009. Quattro degli ultimi sette Rinoceronti bianchi al mondo sono trasportati in aereo da uno zoo nella Repubblica Ceca in un parco in Africa nel tentativo di salvaguardarne la specie

mercoledì 14 ottobre 2015

La storia nelle foto di Reuters #10


Una donna indiana piange per la morte di una sua parente uccisa due giorni prima da uno tsunami a Cuddalore, in India, il 28 dicembre 2004. Il 26 dicembre del 2004 un terremoto di magnitudo 9.3 – uno dei più violenti mai registrati in quasi mezzo secolo – nell’oceano Indiano al largo della costa nord-occidentale dell’Indonesia causò un grande maremoto, con onde alte oltre 14 metri che provocarono un’ampia serie di tsunami sulle coste dell’area asiatica, uccidendo almeno 230mila persone. I danni più consistenti furono registrati soprattutto in Indonesia, ma ci furono gravi conseguenze anche nelle aree costiere di Sri Lanka, India, Thailandia, Birmania, Bangladesh e Maldive. (REUTERS/Arko Datta/Files)

lunedì 12 ottobre 2015

Robert Doisneau


Il più bello, il più semplice di tutti è il riflesso spontaneo con il quale si tenta di fermare una attimo di gioia destinato a scomparire.

domenica 11 ottobre 2015

50 siti Unesco da visitare in tutto il mondo #1/25


Blenheim Palace-Regno Unito - L'opera dell'architetto John Vanbrugh fu presentata nel 1704 al vittorioso Duca di Marlborough: ha avuto un'influenza decisiva sull'architettura ma non solo. Come sottolinea l'Unesco, è agli albori del romanticismo inglese, caratterizzato dall'eclettismo dell'ispirazione e dall'enfasi sugli aspetti naturali (foto: Dea via Getty Images)


Monticello-Usa - La residenza progettata e costruita da Thomas Jefferson, terzo presidente Usa, sul modello delle ville palladiane venete, rappresenta uno dei primi modelli architettonici neoclassici nel Nuovo Mondo, oltreché incarnare nella sua struttura anche gli ideali jeffersoniani di libertà e di governo limitato (foto: Moment Mobile via Gety Images)

sabato 10 ottobre 2015

Edwin Estlin Cummings

il sabato poesia

Tu sei stanca

Tu sei stanca,
(Credo)
Dell'eterno puzzle di vivere e agire;
Anch'io.

Vieni con me, allora,
E andiamocene molto lontano —
(Io e te soli, capito!)

Hai giocato,
(Credo)
E hai rotto i tuoi giocattoli più cari,
E ora sei un po' stanca;
Stanca di cose che si rompono —
Solo stanca.
Anch'io.

Ma vengo con un sogno negli occhi stasera,
E busso con una rosa alla porta del tuo cuore disperato —
Aprimi!
Ti mostrerò luoghi che Nessuno conosce

martedì 6 ottobre 2015

Il ventunesimo secolo raccontato in 75 immagini #33

2008. Hhaing The Yu, di 29 anni, si copre il viso mentre la pioggia cade sulle rovine della sua casa dopo che un ciclone ha distrutto

Yangon, capitale di Myanmar

lunedì 5 ottobre 2015

La storia nelle foto di Reuters #9


L'allora presidente degli Stati Uniti restituisce un bimbo che piange, che gli era stato dato in braccio da alcune persone della folla dopo una cena con Angela Merkel a Trinwillershagen, in Germania, il 13 luglio 2006. (REUTERS/Jim Bourg/Files)

sabato 3 ottobre 2015

Jules Supervielle

il sabato poesia

Un Poeta

Io non vado sempre solo al fondo di me stesso
E trascino con me più di un essere vivente.
Quelli che saranno entrati nelle mie fredde caverne
Sono certi di uscirne anche solo un momento?
Ammasso nella mia notte, come una nave che affonda,
Alla rinfusa, passeggeri e marinai,
E spengo la luce agli occhi, nelle cabine,
Faccio amicizia con le grandi profondità.

(da Les amis inconnus, 1934)

venerdì 2 ottobre 2015

Ernst Haas


Vorrei essere ricordato molto di più per una visione totale, piuttosto che per poche, perfette, singole immagini.