mercoledì 14 ottobre 2015

La storia nelle foto di Reuters #10


Una donna indiana piange per la morte di una sua parente uccisa due giorni prima da uno tsunami a Cuddalore, in India, il 28 dicembre 2004. Il 26 dicembre del 2004 un terremoto di magnitudo 9.3 – uno dei più violenti mai registrati in quasi mezzo secolo – nell’oceano Indiano al largo della costa nord-occidentale dell’Indonesia causò un grande maremoto, con onde alte oltre 14 metri che provocarono un’ampia serie di tsunami sulle coste dell’area asiatica, uccidendo almeno 230mila persone. I danni più consistenti furono registrati soprattutto in Indonesia, ma ci furono gravi conseguenze anche nelle aree costiere di Sri Lanka, India, Thailandia, Birmania, Bangladesh e Maldive. (REUTERS/Arko Datta/Files)

Nessun commento:

Posta un commento