sabato 4 ottobre 2014

Andrej Tarkovskij

il sabato poesia

L’uomo non può mai tornare allo stesso punto da cui è partito perché nel frattempo lui stesso è cambiato.
C’è un solo viaggio possibile: quello che facciamo nel nostro mondo interiore.

Non credo che si possa conoscere di più
viaggiando sul nostro pianeta.
Così come non credo che si viaggi per tornare.
L’uomo non può mai tornare
allo stesso punto da cui è partito
perché nel frattempo lui stesso è cambiato.
Da se stessi non si può fuggire.
Tutto quello che siamo lo portiamo nel viaggio.
Portiamo con noi la casa della nostra anima
come fa la tartaruga con la corazza.
In verità, il viaggio per i paesi del mondo
è per l’uomo un viaggio simbolico.
Dovunque vada è la propria anima che sta cercando.
Per questo l’uomo deve (poter) viaggiare.

Andrej Tarkovskij

1 commento:

  1. non lo diceva anche Orazio, o Lucrezio, o qualcuno di quegli antichi romani?
    mai puoi sfuggire a te stesso!
    penso tuttavia che ci siano anche tanti uomini che viaggiano proprio per il motivo opposto a quello indicato nella poesia, ovverossia per fuggire da se stessi.

    RispondiElimina