sabato 8 marzo 2014

Sergej Aleksandrovič Esenin

il sabato poesia

Eccola, questa sciocca felicità


Eccola, questa sciocca felicità
Con le sue finestre bianche spalancate sull'orto!
Sopra lo stagno, uguale a un cigno purpureo
Naviga silenzioso il tramonto.

Salve, mia pozzanghera d'oro
E voi betulle capovolte nell'acqua!
Dal tetto una banda di cornacchie
Canta i Vespri alle stelle.

Laggiù oltre i giardini
Dove fiorisce la vitalba
Una soave ragazza vestita di bianco
Accenna delicate canzoni:

E il freddo notturno si distende sui campi
Come una sottana celeste.
O mia cara, mia sciocca felicità,
Tenere e fresche guance di una volta!


Sergej Aleksandrovič Esenin (da Poesie – Traduzione di Giuseppe Paolo Samonà)

Nessun commento:

Posta un commento