martedì 10 aprile 2012

Thomas Friedman

agenda letteraria
E se la crisi del 2008 rappresentasse qualcosa di molto più radicale
di una profonda depressione? E se ci stesse dicendo che l'intero modello
basato sulla crescita che abbiamo creato negli ultimi cinquant'anni
è semplicemente insostenibile economicamente ed ecologicamente
e che il 2008 è stato quando abbiamo sbattuto contro il muro, quando
Madre Natura e il mercato hanno entrambi detto: "basta così"?

Thomas Friedman, editorialista del "New York Times", 2009

Nessun commento:

Posta un commento