sabato 26 novembre 2011

Samuel Beckett

il sabato poesia  Che farei


Che farei senza questo mondo senza faccia né domande
dove essere non dura che un attimo dove ogni istante
si versa nel vuoto nell’oblio di essere stato
senza quest’onda dove alla fine
corpo e ombra sprofondano insieme
che farei senza questo silenzio abisso dei bisbigli
ansimante furioso verso il soccorso verso l’amore
senza questo cielo che si innalza
sulla polvere delle sue zavorre

che farei farei come ieri come oggi
guardando dal mio oblò se non sono solo
a errare e girare lontano da ogni vita
in uno spazio burattino
senza voce tra le voci
rinchiuse con me.

2 commenti:

  1. Come fai a scegliere sempre il "meglio"?
    Ciao :)
    Lara

    RispondiElimina
  2. Eheheh grazie Lara, abbiamo la fortuna di averne tanto di "meglio" ... cercando, cercando :)

    Ciao carissima

    RispondiElimina