sabato 4 giugno 2011

Robert Frost

il sabato poesia  La strada che non presi


Due strade divergevano in un bosco ingiallito
e spiacente di non poterle fare entrambe
essendo uno solo, a lungo mi fermai.
Una di esse finché potevo scrutando
là dove in mezzo agli arbusti svoltava.

Poi presi l'altra, che era buona ugualmente
e aveva forse i titoli migliori
perché era erbosa e poco segnata sembrava;
benché, in fondo, il passar della gente
le avesse invero segnate più o meno lo stesso,

perché nessuna in quella mattina mostrava
sui fili d'erba l'impronta nera d'un passo.
Oh, quell'altra lasciavo a un altro giorno!
Pure, sapendo bene che strada porta a strada,
dubitavo se mai sarei tornato.

Questa storia racconterò con un sospiro
chissà dove fra molto molto tempo:
divergevano due strade in un bosco e io...
Io presi la meno battuta,
e di qui tutta la differenza è venuta.

Robert Frost (Traduzione di Giovanni Giudici)

3 commenti:

  1. Anche se le traduzioni lasciano a desiderare (compresa questa, le altre erano peggio) il significato è comprensibile.
    Ciao Adriano ☺

    RispondiElimina
  2. Si può fare una sola scelta, con tutte le conseguenze che ne derivano.
    Più difficile è non pentirsi, ma accettare anche gli sbagli.
    Ciao SuperNova ;)

    RispondiElimina