martedì 21 giugno 2011

Frammenti #44

Il carattere di uomo è anche il suo demone.
Stobeo, Florilegio - Plutarco, Questioni platoniche

Questo sì che è un bel tema! Quante volte facciamo esattamente il contrario di quel che dovremmo? Sappiamo di sbagliare, eppure sbagliando lo stesso: specialmente se ci troviamo in un particolare stato d'animo (odio, innamoramento o altro). La colpa è tutta di un piccolo demone che abita dentro di noi, volgarmente detto carattere, che ci impedisce di riflettere prima di agire. I rimedi, come al solito, sono l'apatheia, l'epochè e l'aporein, ovvero il distacco dalle passioni, la sospensione del giudizio e il dubbio. L.D.C.

Nessun commento:

Posta un commento