sabato 5 marzo 2011

Cristina Perilli

il sabato poesia  Il viaggio


Per tutta la vita
Ho cercato la strada giusta
Da percorrere.
Ho seguito le diverse indicazioni,
ho pagato gli ingenti pedaggi,
per scegliere una via
forse ho perso la bellezza di un’altra.
Per tutta la vita
Ho affrontato salite
E tratti impervi,
pieni di voragini,
spesso vi sono caduta dentro,
ma con tenacia ne sono uscita
ed ho proseguito a camminare.
Ben poche volte la mia strada
È stata scorrevole,
quasi mai
sono stata tenuta per mano
ma ho dovuto guidare coloro
che si sono messi a viaggiare con me.
Ora, forse a metà del mio percorso,
sento tutta la fatica che mi pervade,
mi fa rallentare,
non riesco a muovermi ma devo
tenere per mano i miei figli e continuare
finchè non riusciranno
a trovare il loro sentiero.
Quando arriverò alla fine
Mi rimarrà il profondo desiderio
Di condividere il viaggio
Con un compagno,
per gustare insieme i paesaggi,
riposarsi nelle brevi soste,
scegliere nuove direzioni.
Ma sarà troppo tardi,
perché non ci è data la possibilità
di viaggiare due volte.

1 commento:

  1. non ci sarà una replica?
    Lo escluderi anch'io,
    ma non so, è anche un po' assurdo escluderlo.

    RispondiElimina