sabato 15 maggio 2010

Ceccardo Roccatagliata Ceccardi

agenda letteraria Pensiero

Vanno, dandosi il braccio
a passo e senza un detto... Ché il susurro
de le memorie è un filo
tenue d’oro che luce
ed il cor riconduce,
come in barca a un azzurro
misterioso asilo...
E senz’affanno
e senza un detto vanno...; ché il susurro
de le memorie è vena
d’acqua che divien fiume
per riviera serena:
riviera di raccolti alberi al lume
del dì che cade e sotto
li rispecchia tranquilli in verdi spechi
mentre alitano a torno i tremoli echi
di lontan’ opre in campi e borghi; e il trillo
cresce, presso, di un grillo.

Nessun commento:

Posta un commento