domenica 21 febbraio 2010

Robert Shults e lo sguardo geometrico


"A mio parere, la fotografia è, in primo luogo, un'arte astratta. Il compito del fotografo è quello di estrarre il suo soggetto dalla massa presente nel contesto spaziale e temporale prima della "lente". Quando la portata di tale astrazione è estrema e l'immagine risultante non è del tutto rappresentativo del "tutto", ciò che rimane all'interno della fotografia è una confluenza di un contesto psico-emozionale: lo stato soggettivo sperimentato dal fotografo al momento della creazione miscelata con la storia personale dello spettatore. A questo proposito, la fotografia fortemente astratta ha una capacità unica di funzione, è come uno specchio "una parte di noi stessi." R.S.

Sono sguardi molto personali quelli che Robert Shults ci fa vedere nel suo sito. Architetture, geometrie, forme delineate in bianco e nero. La loro preziosa bellezza la si può ammirare in Still lifes immagini d'interni e in Botanicals immagini di vegetali.

2 commenti:

  1. Guarda questa, ad esempio:
    http://static.photo.net/attachments/bboard/00Q/00Q69A-55229684.jpg

    RispondiElimina
  2. sono pienamente d'accordo: per me infatti sono immagini emozionali più che astratte!!! ciao :)

    RispondiElimina