sabato 21 novembre 2009

Emily Dickinson

il sabato poesia

Il Giorno diventò piccolo, circondato tutto
Dalla precoce, incombente Notte -
Il Pomeriggio in Sera profonda
La sua Gialla brevità distillò -
I Venti smorzarono i loro passi marziali
Le Foglie ottennero tregua -
Novembre appese il suo Cappello di Granito
A un chiodo di Felpa -

4 commenti:

  1. Amo leggere la Dickinson ... grazie per questo regalo.
    Alessandra

    RispondiElimina
  2. Tutti i personaggi in scena per la rappresentazione di novembre nella luce dorata del tramonto.Mi piace quel giallo attribuito alla luce e non alle foglie!
    Ciao Novalissimo.

    RispondiElimina
  3. In questi momenti così complicati... Emily mi è amica e mi racconta emozioni e solitudini che anche io vivo..

    RispondiElimina
  4. Emily Dickinson è indissolubilmente legata al ricordo di un amore lontano. Ci eravamo conosciuti su un sito di incontri. Per due mesi c'eravamo scritti, di tutto: racconti di vita personale, poesie, novelle. Poi avevamo deciso di incontrarci. A Venezia.
    A pranzo ci scambiammo dei regali. Io gli regalai una piccola chiave dorata, simbolo di una leggenda locale che gli avevo raccontato. Lui un piccolo scrigno di cartone colorato, contenente un'ametista e arrotolato un foglietto con una poesia della Dickinson, "Tenevo un gioiello tra le dita ...".
    La lessi, con la voce che tremava un po', sotto uno sguardo ceruleo che non ho più dimenticato.
    E' tra i ricordi più belli che ho.
    Forse il più bello di tutta la mia vita.

    RispondiElimina