sabato 10 ottobre 2009

Lino Curci (1912-1975)





il sabato poesia: Ottobre


Strade d'ocra leggere, solitarie
in quell'aria dorata, dal timone
dei rossi carri l'uomo silenzioso
guarda lontano, va la vigna bassa
fino alla proda: come canta l'ora
d'autunno prima del tramonto! Un fumo
di pienezza felice la rallegra,
evàpora e rallenta
tutta la vita. Contemplavo a valle
le crete digradanti intorno i poggi
con i paesi. A chi rubavo quella
felicità così calma e stordita?
Ed ero come il grappolo che resta
legato al tralcio dopo la vendemmia.






1 commento:

  1. Ti faccio i complimenti per il blog. Se vuoi potremmo scambiare i link. Il mio blog si occupa di (corretta) informazione soprattutto. Fammi sapere sul mio

    Andrea De Luca
    http://andreainforma.blogspot.com

    RispondiElimina