martedì 28 luglio 2009

Tiziano Terzani


"Ho scritto “Lettere contro la guerra” per il mio nipotino,
perché un giorno anche lui dovrà scegliere tra la Pace e la Guerra.
E la non violenza è l’unica chance che l’umanità ha".

5 commenti:

  1. Grande Tiziano...Purtroppo l'ho scoperto tardi. Diciamo pure postumo. In un momento molto delicato della mia vita, lessi "Un altro giro di giostra", e a seguire "La fine è il mio inizio"...Da allora mi è rimasto sempre nel cuore.
    Se ne vanno sempre i "meglio".

    RispondiElimina
  2. Ho amato tantissimo Tiziano Terzani. Dopo aver letto "Un altro giro di giostra" ho letto tutti gli altri suoi libri"In Asia", "Un indovino mi disse", La porta Proibita".
    La sua esperienza di lotta e accettazione del dolore è una testimonianza di aiuto a tutti.

    RispondiElimina
  3. "Ho fatto questo mio mestiere proprio come una missione religiosa, se vuoi, non cedendo a trappole facili. La più facile, te ne volevo parlare da tempo, è il Potere. Perché il potere corrompe, il potere ti fagocita, il potere ti tira dentro di sé! Capisci? Se ti metti accanto a un candidato alla presidenza in una campagna elettorale, se vai a cena con lui e parli con lui diventi un suo scagnozzo, no? Un suo operatore. Non mi è mai piaciuto. Il mio istinto è sempre stato di starne lontano. Proprio starne lontano, mentre oggi vedo tanti giovani che godono, che fioriscono all'idea di essere vicini al Potere, di dare del "tu" al Potere, di andarci a letto col Potere, di andarci a cena col Potere, per trarne lustro, gloria, informazioni magari. Io questo non lo ho mai fatto. Lo puoi chiamare anche una forma di moralità. Ho sempre avuto questo senso di orgoglio che io al potere gli stavo di faccia, lo guardavo, e lo mandavo a fanculo. Aprivo la porta, ci mettevo il piede, entravo dentro, ma quando ero nella sua stanza, invece di compiacerlo controllavo che cosa non andava, facevo le domande. Questo è il giornalismo".
    (La fine è il mio inizio).

    Quante cose avrebbe ancora da dire...

    RispondiElimina
  4. Tiziano è un faro per noi tutti.

    RispondiElimina