venerdì 8 aprile 2011

Henri Matisse

Tempo addietro, non lasciavo le mie tele appese ai muri perché richiamavano alla mente certi momenti di sovreccitazione che non volevo rivivere quand’ero calmo. Oggi lavoro a un quadro con calma, e ci lavoro su finché questa calma non è parte del quadro stesso.

3 commenti:

  1. Se venite a trovarmi (una volta o l'altra) vi porto a vedere la Cappella di Matisse a Vence e a visitare la fondation Maeght www.fondation.maeght.com

    RispondiElimina
  2. In ogni modo un grande che magicamente emoziona!

    RispondiElimina
  3. L'energia vitale di Matisse va oltre la sua geniale capacità creativa.
    il colore puro come cromaticità di flussi e di osmosi, di risonanze e di musica..l'arte non va solo guardata ma anche ascoltata . Mattise è simile il tamburo africano dlle origini: il cuore del mondo che pulsa.

    RispondiElimina